Le speranzose parole della Lotus in vista del GP di Monza

di Alba D'Alberto Commenta

Il prossimo appuntamento è a Monza e godiamocelo finché si può visto che si vocifera e sembra ormai certa, la chiusura del circuito dedicato al GP d’Italia. Per la tappa tricolore la speranza è quella di vedere un “ritorno” della Ferrari ma le grandi speranze di oggi sono targate Lotus. 

Grosjean è salito sul podio del GP del Belgio e anche se poi questo risultato è legato alla foratura di Vettel, bisogna riconoscere che il francese è stato sempre pronto a cogliere l’avversario in fallo, l’ha insidiato ad ogni curva, ha dimostrato carattere e tenacia. Chissà se avesse raggiunto la terza posizione anche con Seb in pista.

Mentre facciamo i GP con i se e con i ma bisogna rendersi conto la Lotus inizia a credere nella seconda parte del campionato. Negli ultimi mesi il fornitore Xtrac ha portato la scuderia ad un contenzioso che ha determinato il sequestro delle attrezzature presenti nel paddock di Spa. E i guai per la Lotus non sono finiti perchè sembra ci siano molte fatture non pagate ad altri fornitori.

Guai finanziari a parte, dopo Spa la Lotus è maggiormente consapevole delle sue possibilità così che Alan Permane, l’ingegnere di pista britannico della squadra di Enstone, dice a Motorsport.com:

Siamo in grado di essere veloci. Lo siamo stati a Montreal e anche Spa, e non vi è alcun motivo per cui non potremmo esserlo anche in Italia, fare bene in Q3 e disputare una buona gara. E il podio potrebbe non essere di nuovo un sogno.

Si tratta di una vettura molto, molto buona. Sembra funzionare bene con i bassi livelli di deportanza, come in Austria o a Spa, dove sono richieste minime doti di resistenza. Questo è il motivo per il quale speriamo che anche Monza sarà favorevole per no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>