Arrivabene avverte Lauda sul futuro sorpasso

di Alba D'Alberto Commenta

Arrivabene è soddisfatto dei suoi piloti e della sua squadra. La Ferrari è quasi tornata ai vecchi fasti ma è anche vero che nonostante i numerosi podi di quest’anno il sorpasso tecnico e reale sulla Mercedes non c’è ancora stato. Ma è inutile che Lauda si pavoneggi perché l’anno prossimo sarà dura superare la Rossa. 

Niki Lauda dopo quell’uscita infelice sulla scuderia italiana, ha dovuto ammettere che la scuderia di Maranello si è avvicinata e di molto alla Mercedes, tanto che è stata l’unica vettura a non essere doppiata sul corto circuito di Interlagos.

Interessante il traguardo indicato ma per l’anno prossimo a Maranello vogliono un po’ di più e sperano proprio di essere i primi.

“Ormai ci sono, il prossimo anno saranno molto vicini“.

Questo il commento di Lauda,  citato dal quotidiano La Repubblica, guardando i tempi realizzati in gara da Vettel .

“Si sbaglia di grosso: oggi siamo vicini, il prossimo anno saremo davanti. Quando Lauda ci fa i complimenti, in genere un po’ di sospetti mi vengono. Poi però guardo i numeri e faccio un giro nel box, e allora sono certo: stia attento Niki, il prossimo anno staremo davanti”.

Questa la risposta di Arrivabene che su Vettel dice:

Quando è arrivato forse tendeva a impuntarsi un po’ troppo su certi dettagli. È tipico dei perfezionisti. Veniva da un altro team, con il quale aveva vinto molto, e quindi pensava che probabilmente certe metodologie o certi modi di fare fossero migliori. Penso sia normale, è successo anche a me. Poi, molto rapidamente si è accorto di dove fosse finito, e cioè in una squadra antica, con una storia molto più importante delle altre, un libro enorme al quale lui al massimo avrebbe potuto aggiungere alcune righe. E si è adattato, con umiltà, alla situazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>