Nuova Fiat Panda crash test deludente per colpa dell’Esp

di Luca Riso Commenta

Per la nuova Fiat Panda, crash test deludente: è fragorosa l’eco delle quattro stelle alla più recente tornata Euro NCAP.

Per la nuova Fiat Panda, crash test deludente: è fragorosa l’eco delle quattro stelle alla più recente tornata Euro NCAP. Fa davvero rumore che l’assenza dell’Esp, il controllo elettronico di stabilità, abbia impedito di arrivare alle agognatissime cinque stelle nelle prove d’urto. Proprio mentre i crash test delle auto cinesi (quattro stelle anche loro) erano una bella sorpresa.

Tant’è vero che perfino Fiat è dovuta correre ai ripari, con una precisazione il giorno successivo alla pubblicazione dei crash test. In sintesi, il Lingotto conferma che il raggiungimento del massimo punteggio (cinque stelle) non è stato realizzato esclusivamente per l’assenza del sistema Esp nella vettura testata, proprio come spiegato dall’Euro NCAP. E fin qui tutto chiaro.

La parte più complessa e delicata della precisazione Fiat arriva dopo, quando la Casa italiana spiega che l’equipaggiamento del sistema Esp sarà disponibile nei primi mesi del 2012 sull’intera gamma Panda.

Cosa vuol dire? Il sistema Esp sarà allora una dotazione di serie su tutti i Pandini, senza la necessità che il consumatore affronti una spesa in più? Oppure l’Esp diverrà solamente optional? In questo secondo caso, al prezzo di listino base andrà aggiunto un sovrapprezzo.

Va anche ricordato che, dal 2012, sarà attivo l’accordo tra i Produttori di auto per equipaggiare di serie tutte le macchine di nuova omologazione con l’Esp. I veicoli di nuova generazione, appena usciti dalla fabbrica, dovranno già avere l’Eps, senza discussione né optional. L’Esp quindi verrà equiparato all’Abs, il sistema anti bloccaggio delle ruote di una vettura in frenata. L’obiettivo, chiaramente, è migliorare la sicurezza stradale, abbattendo gli incidenti lievi e soprattutto quelli gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>