Benzina: i super sconti week end di Eni scatenano la guerra dei prezzi

di t-punch Commenta

Eni lancia la guerra dei prezzi con mega sconti nel week end e le concorrenti reagiscono tra lamentele al Garante e ipotesi di offerte promozionali per gettarsi nella mischia e invogliare i consumi, calati nettamente così come i loro incassi, nonostante gli aumenti costanti dei carburanti.

 Petrolieri sul piedi di guerra e petrolieri che si adeguano, sembra essere a doppio volto la reazione delle compagnie petrolifere alla guerra dei prezzi nel week-end lanciata da Eni, con sconti di ben 20 centesimi al litro che sul pieno di carburante da 50 litri significano un risparmio di 10 euro.


Non male in un periodo di crisi profonda e energia a carissimo prezzo, tanto che ora la domenica non viene più dedicata alla gita fuori porta ma alla fila dal benzinaio.

Sciopero della benzina risparmia anche sulla assicurazioni online
Aumenta il costo della benzina e si riducono gli incidenti

La promozione di Eni, valida tutti i fine settimana fino al 2 settembre negli oltre 3.000 punti di rifornimento Iperself, ha scatenato la reazione di Q8, che ha chiesto l’intervento del Garante, ma allo stesso tempo, secondo alcune indiscrezioni, la stessa Q8 e la Esso si starebbero preparando a una campagna di sconti per combattere la guerra dei prezzi, a tutto vantaggio dei consumatori, che potrebbero finalmente vedere una riduzione dei costi per il pieno carburante. E non solo i consumatori ormai avrebbero dei vantaggi, ma gli stessi petrolieri, che con il caro benzina hanno visto i fatturati scendere dall’inizio dell’anno del 10,3 per cento, nonostante l’aumento del prezzo di benzina e gasolio sia stato in media del 21 per cento.

Un calo non indifferente per le compagnie che con sconti oculati potrebbero incentivare i consumi. Potrebbe essercene per tutti, magari ruotando le giornate tra compagnie, con sconti Esso di mercoledì e sconti Q8 di giovedì, in modo che ognuno possa avere la sua fetta di torta. Probabilmente tutto dipenderà dalla reazione del Garante, intanto gli automobilisti incrociano le dita, sperando che non ci sia il suo intervento, e si godono un calo prezzi atteso da moltissimo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>