Chevrolet Camaro: riprogettata, ridisegnata e premiata

di Alba D'Alberto Commenta

Una Chevrolet Camaro tutta nuova, ripensata per essere più bella ma anche più performante sulle strade del Belpaese e con la nuova versione sono arrivati anche i primi premi. Oggi la vettura è più slanciata, più veloce e più agile. Vediamo la presentazione che ne fa l’azienda. 

L’unico elemento che la nuova Camaro conserva del modello precedente è lo stemma. Più leggera di 90 kg e con un’aerodinamicità maggiore rispetto al modello precedente, presenta molte tecnologie volte a migliorare le prestazioni, quali il Magnetic Ride Control, e due leggendarie motorizzazioni. Una combinazione esclusiva di tecnologia ad alte prestazioni e sofisticato design ha permesso di trasformare il già comprovato DNA della Camaro in un’icona sportiva dei nostri tempi. Ecco la Camaro di sesta generazione: più slanciata. Più veloce. Più agile. Più audace.

Ai progettisti è stato chiesto di creare una nuova carrozzeria su un telaio più piccolo e leggero, seppure rispettando il design del modello precedente. In tal modo è stato possibile ottenere una Camaro più piccola, spaziosa e scattante, con 90 kg di peso in meno. Queste proporzioni ridotte si traducono in una frenata più reattiva, una migliore stabilità in curva e un’agilità molto maggiore, accentuando gli elementi esterni che esprimono aggressività, come il profilo “fastback” e i pannelli laterali posteriori, per un design che non passa inosservato.

A prescindere dal tuo stile di guida, la Camaro ha il motore più adatto alle tue esigenze. Dal grintoso 2.0L turbo di serie al vigoroso V8 opzionale, qualsiasi opzione sceglierai ti dimostrerà come non ci sia alcun compromesso tra potenza ed efficienza.

Queste sono a grandi linee le caratteristiche più interessanti di una vettura dal design eccezionale di cui potete vedere foto e scheda tecnica anche qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>