Come scegliere la giusta tipologia di auto

di Gtuzzi Commenta

Tutte le informazioni del caso per orientare al meglio le proprie scelte

Scegliere un’auto è una missione piuttosto difficile. Si tratta di un acquisto importante, su cui bisogna ragionare in maniera adeguata. L’offerta di veicoli presenti sul mercato è immensa, e il primo passo da compiere è quello di scegliere la giusta tipologia in base alle nostre necessità.

Cerchiamo un’auto spaziosa come un SUV o preferiamo una compatta citycar? Siamo alla ricerca di un’auto sportiva o preferiamo qualcosa di più adatto alla famiglia?

Nei prossimi paragrafi ecco i parametri utili per valutare il vostro prossimo acquisto.

Pensare in prospettiva

Il primo consiglio è quello di pensare in prospettiva. Oggi ci affacciamo in concessionaria con determinate esigenze, ma queste possono cambiare nel tempo. Ecco i fattori da considerare per valutare il nostro futuro:

  • La nostra situazione lavorativa può cambiare, e con essa i chilometri percorsi ogni anno. Potremmo passare da un forte uso dei mezzi pubblici a un utilizzo più intenso del nostro veicolo, anche per lunghi viaggi da affrontare in maniera periodica. In tal caso la nostra scelta potrebbe virare verso un modello differente, con maggiori comodità.
  • Può mutare la nostra condizione familiare. Un esempio è il caso in cui si decida di ampliare la propria famiglia, con un maggior numero di figli. In tal caso potremmo avere bisogno di un maggiore spazio all’interno del veicolo.

Esistono altre variabili più personali a seconda dell’individuo. Ecco perché consigliamo una attenta riflessione per valutare la scelta migliore anche in funzione dei prossimi anni.

Spazio o maneggevolezza?

Uno dei fattori più importanti è lo spazio sia all’interno che all’esterno dell’auto.

Chi viaggia molto con la propria vettura può aver bisogno di tanto volume per i bagagli all’interno dell’abitacolo e nel bagagliaio. Lo stesso vale per chi ha una famiglia numerosa, e vuole vivere i propri percorsi quotidiani nella massima comodità.

Al contrario chi vive nelle metropoli può sceglie di sacrificare lo spazio in virtù di una maggiore agilità in città. Le citycar consentono di parcheggiare più facilmente, e sono adatte a chi vuole muoversi nel traffico con la massima libertà.

Negli ultimi anni la diffusione dei SUV, auto tipicamente molto spaziose, ha portato all’arrivo sul mercato di modelli più compatti, in grado di abbracciare entrambe le filosofie.

Attenzione ai percorsi

Un dettaglio da valutare è il tipo di percorsi a cui sottoporremo la nostra vettura. Chi vive in città non ha particolari esigenze, e ogni tipologia di auto riesce a muoversi senza difficoltà.

Chi vive fuori città può invece fare considerazioni differenti, in virtù dello stato delle strade. Per zone più periferiche si potrebbe preferire l’acquisto di SUV, che hanno il pianale più alto e non risentono dell’effetto di buche o dossi.

Per chi vive in zone di collina o montagna si può pensare ad auto a trazione integrale. Con tutte e quattro le ruote motrici ci si può spostare senza problemi anche sulle salite più ardue. In più la presenza della trazione integrale è una sicurezza in caso di aree dissestate o poco curate, in cui il nostro mezzo potrebbe impantanarsi.

La corretta potenza

Un altro fattore da considerare è la potenza del motore. Se in famiglia abbiamo dei neopatentati dobbiamo ricordarci che esistono dei precisi limiti legati alla potenza del motore delle automobili.

I neopatentati in Italia non possono guidare veicoli che abbiamo una potenza specifica maggiore a 55 kW per ogni tonnellata di peso del veicolo.

Sul mercato è possibile trovare auto di vari tipi che rispettino questa normativa. Anche diversi SUV rientrano in questa fascia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>