Hyundai manda il suo messaggio nello spazio

di Alba D'Alberto Commenta

Cose strepitose, apocalittiche, avventurose, estreme, romantiche, sdolcinate. Insomma cose in grado di emozionare. È questo il messaggio che la pubblicità di un’auto deve inviare al suo pubblico, per imprimersi nella memoria di chi si mette al volante. Hyundai con questa trovata del messaggio spaziale ci è riuscita. 

Un nuovo modello di un’auto e un’idea strepitosa. Questa la base della nuova pubblicità della casa automobilistica sudcoreana Hyundai che nel deserto del Nevada ha realizzato una scritta enorme. Per chi? Un messaggio sulla sabbia gigantesco scritto da una bambina al suo papà astronauta.

Con 11 Hyundai Genesis sul terreno sabbioso del Delamar Dry Lake, che si trova nella contea di Lincoln nel Nevada, Stati Uniti, è stato scritto “Steph ti vuole bene“. L’astronauta ha potuto vedere il messaggio dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Per la realizzazione di questa enorme scritta le auto hanno dovuto seguire un percorso indicato dal GPS e impostato dagli organizzatori per scrivere con le ruote la frase che abbiamo indicato. Alla fine la scritta venuta fuori è lunga 5,6 chilometri quadrati ed è la scritta più grande che sia stata mai realizzata con i copertoni di automobile.

Una pubblicità bella che rischia di entrare anche nel Guinness dei primati. Il video che vi proponiamo di seguito mostra il risultato della scritta dall’orbita terrestre ma è ovvio che non sarà mai specificato se la scritta è stata fotografata proprio dall’ISS. L’astronauta cui è indirizzato il messaggio ha una figlia di nome Steph ma non sappiamo come si chiama. C’è chi dice sia Terry Virts che il 16 maggio tornerà sulla terra. Fatto sta che piace questo adv proprio come piacerà la Hyundai Genesis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>