Il pericolo deve restare nelle corse di F1

di Redazione Commenta

Da tempo s’insiste sul tema della sicurezza dicendo che i piloti hanno bisogno di regole e poi anche di monoposto che pur preservando la spettacolarità della corsa devono garantire la sicurezza massima al pilota. Insomma, di incidenti come quello di Senna o di Jules Bianchi, non se ne vogliono più vedere. 

Eppure c’è chi come Vettel ritiene che una componente di rischio debba essere ancora garantita. Vettel – un ragazzo preciso e deciso – non le manda certo a dire, soprattutto se davanti ad un microfono gli si chiede di esprimere un’opinione.

“Per continuare a emozionare il pubblico, anche quello più giovane, dobbiamo assicurare che la Formula 1 resti una disciplina dove la velocità in termini assoluti rimanga centrale. E anche il pericolo non può mancare”.

E neppure nel contesto istituzionale della Fia Sport Conference 2016 si è smentito, riporta Quattroruote, spiazzando una parte dell’uditorio parlando di sicurezza e non solo:

“Prendete l’esempio di Baku: ha ricevuto molte critiche, ma è stato fatto un lavoro fantastico, perché il percorso per noi è stato difficilissimo e proprio per questo è stato esaltante correre lì. Oggi le auto sono più sicure ed è molto meglio per noi: conosciamo bene la storia”, ha ammesso il pilota della Scuderia Ferrari, “ma bisogna trovare il giusto compromesso tra tanti elementi: la sicurezza, ma anche il pericolo, il rumore, e l’emozione. Sono ingredienti ugualmente importanti”.

Poi dice ancora qualcosa sul fattore pericolo come riporta Quattroruote:

“Potrebbe suonare sbagliato” ha insistito il tedesco “ma il nostro sport deve restare pericoloso, perché è amato anche per questo motivo. Il rischio è un ingrediente che piace al pubblico, e quando viene meno lo sport diventa inevitabilmente meno emozionante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>