I piani futuri di Alfa Romeo

di Alessandro Bombardieri Commenta

alfa-romeo-4c-07_1

L’obiettivo di Alfa Romeo è quello di arrivare a vendere 400.000 veicoli all’anno entro il 2018, dai 74.000 dello scorso anno. Questa rinascita, partita con il lancio della 4C oltreoceano, dovrebbe passare da tre modelli chiave: una berlina di taglia media, una suv derivata da questa e una ammiraglia.

L’investimento previsto per il marchio è di 5 miliardi di euro da qui al 2018, per incrementare le vendite dai 74.000 esemplari del 2013 a 400.000. Tutti questi numeri arrivano direttamente da Automotive News, solitamente molto ben informato sui piani delle varie Case automobilistiche.

ALFA ROMEO 4C NEGLI USA

Stando a quanto riportato, la nuova Alfa Romeo Giulia non dovrebbe chiamarsi Giulia e non dovrebbe essere nemmeno una rivale della BMW Serie 3, infatti potrebbe essere più grande, andando a competere con le BMW Serie 5 o le Audi A6. Il lancio dovrebbe avvenire per metà 2016 in Europa e alla fine dello stesso anno negli Usa. Questo nuovo modello, erede della 159 in sostanza, avrà motori 4 cilindri a benzina da 180 a 330 CV e forse alcuni V6 con potenza massima prossima ai 500 CV. Su tutti i motori comunque dovrebbero intervenire anche i tecnici Ferrari, proprio come accade oggi con le Maserati. I motori a gasolio saranno a 4 e 6 cilindri, con potenze comprese tra 120 e 330 CV; la trazione sarà posteriore e il pianale inedito.

Da questa berlina dovrebbe poi derivare una Suv che dovrebbe andare a scontrarsi sul mercato con l’Audi Q5 e le altre tedesche. Dopo arriverà anche un’ammiraglia, di più di una versione allungata della berlina media. Si vocifera anche di una vettura scoperta costruita su una versione accorciata del pianale della berlina, di una coupé in grado di ospitare quattro adulti e di una suv di grandi dimensioni per gli Usa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>