Hummer H3

di Gabriele 1

La “piccola”, si fa per dire, di casa Hummer è stata pensata, soprattutto nelle misur,e per il mercato europeo...

La “piccola”, si fa per dire, di casa Hummer è stata pensata, soprattutto nelle misure per il mercato europeo.

Il family feeling con le altre creature Hummer è evidente, ampie vetrature basse e aspetto massiccio con un sapore vagamente militaresco. Anche se gli americani lo considerano di taglia piccola, certamente l’H3 non passa inosservato sulle nostre strade con i suoi 4,75 metri di lunghezza e 1.90 di larghezza.

Come tutte le Hummer non da il meglio di se sull’asfalto, risulta comunque piacevole e l’elettronica di bordo garantisce sicurezza nonostante le gomme tassellate e la notevole altezza da terra. Sul fuoristrada l’H3 cambia pelle e rivela la sua vera natura, diventa inarrestabile ed è capace di tirarsi fuori da qualsiasi situazione.




La sua vocazione estrema è caratterizzata anche dalle generose protezioni sottoscocca e dagli angoli inferiori della carrozzeria a sbalzo, utili se si tratta di guadare corsi d’acqua.

Attualmente sono due le motorizzazioni disponibili entrambe a benzina. La prima è un Vortec da 3.700 cc. cinque cilindri e 220 cv di potenza; la seconda è un immenso Vortec 5.3 8 cilindri da circa 300 cv.

La trazione è integrale permanente e il cambio è manuale a 5 rapporti o a scelta, automatico a 4 (lo stesso utilizzato da H1 e H2).

Ancora si fa attendere l’agognata versione diesel della H3, in periodi di crisi petrolifera come quello attuale Hummer viene definita “politically incorrect” visto che con una vettura del genere è difficile percorrere più di 6 chilometri con un litro di benzina.

Considerazioni economiche a parte, l’Hummer H3 è una valida alternativa ai SUV europei rispetto ai quali dimostra meno orpelli e più carattere.

Gabriele

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>