Due nuovi motori per Alfa Romeo Giulietta e MiTo

di Alessandro Bombardieri Commenta

alfa-romeo-giulietta-2014_16

La gamma propulsori di Alfa Romeo Giulietta e MiTo si amplia, con il debutto di due nuove motorizzazioni, che in entrambi i casi diventano le proposte top di gamma (se si escludono le versioni sportive Quadrifoglio Verde).

Sulla Giulietta arriva il 4 cilindri turbodiesel 2.0 JTDM da 175 CV, mentre sulla MiTo il 1.4 Multiair turbo a benzina da 140 CV, in entrambi i casi in abbinamento al cambio Alfa TCT.

La Giulietta 2.0 JTDM da 175 CV raggiunge la velocità massima di 219 km/h, accelera da 0 a 100 km/h in 7,8 secondo, con un consumo medio di omologazione pari a 4,4 l/100 km, con emissioni di CO2 di 116 g/km. La MiTo 1.4 Multiair turbo benzina da 140 CV raggiunge i 209 km/h, con un’accelerazione 0-100 km/h in 8,1 secondi; 5,4 l/100 km il comsumo medio e 124 g/km le emissioni di CO2.

La Giulietta 2.0 JTDM da 175 CV viene proposta negli allestimenti Distintive ed Exclusive, con prezzi rispettivamente di 30.450 e 31.900 euro. L’Alfa Romeo MiTo 1.4 Multiair turbo da 140 CV è disponibile soltanto in allestimento Distintive, al prezzo di 21.100 euro.

La futura Alfa Romeo Giulietta Quadrifoglio Verde (evoluzione di quella attuale) potrebbe montare il motore 1750 in alluminio, da 240 CV, della 4C. A riportare lo scoop qualche mese fa è stata la rivista inglese Autocar, che ha avuto la soffiata da fonti interne ad Alfa Romeo. La prossima Giulietta Quadrifoglio Verde dovrebbe quindi montare il quattro cilindri in alluminio di 1.742 cc, sovralimentato con turbocompressore, capace di sviluppare 240 CV a 6.000 giri e 350 Nm di coppia da 2.100 a 4.000 giri. Il cambio sarà esclusivamente il semiautomatico TCT a doppia frizione, infatti non sarà nemmeno disponibile su richiesta il manuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>