Leclerc, la vittoria di Monza è un gioiello che rimarrà nella storia

di Gtuzzi Commenta

Un vero e proprio trionfo in un circuito completamente colorato di rosso. La vittoria di Leclerc in quel di Monza è la testimonianza perfetta di come la Ferrari potrebbe presto, probabilmente, ad ambire a vincere di nuovo il Mondiale piloti. Certo, quest’anno la differenza la sta facendo proprio il talentino monegasco, che sta correndo, in alcuni casi, con la grinta e sicurezza di un veterano. Comparando il percorso fatto da Sebastian Vettel e dal pilota monegasco, in effetti, le prove in pista sono tutte a favore del secondo.

Leclerc e la strenua a resistenza rispetto agli attacchi di Hamilton e Bottas

Dopo aver trionfato a Spa, ecco che per Leclerc è arrivata un’altra vittoria dirompente, fatta questa volta di tanta determinazione, non lasciandosi per nulla intimorire dagli attacchi di una Mercedes più desiderosa che mai di vincere proprio sul circuito amico della Rossa. E invece né Hamilton e nemmeno Bottas sono riusciti nell’intento di sorpassare Leclerc, anche se in realtà quello che ci è andato più vicino è senz’altro il pilota inglese.

Hamilton ci ha provato e riprovato a passare il talentino della Ferrari: probabilmente ad un certo punto della gara stava andando anche più forte nella parte guidata del circuito di Monza. Eppure, la velocità di punta sui rettilinei della Rossa ha fatto davvero la differenza, con Leclerc che è stato protagonista anche di un duro testa a testa con Lewis Hamilton, che ha visto il pilota britannico uscire sconfitto, senza che i giudici infliggessero alcuna penalità.

Discorso completamente diverso per Sebastian Vettel, che è stato autore di una gara del tutto incolore. Ad ogni modo, erano addirittura nove anni che un pilota della Ferrari non riusciva ad alzare le braccia al cielo al termine di un Gp di Monza. L’ultimo ferrarista a vincere su questo circuito è stato Fernando Alonso, nel lontano 2010, da cui sembra passata praticamente un’epoca.

Sul podio anche le due Mercedes

Leclerc è riuscito a bissare la vittoria di una settimana prima in Belgio. Le due Mercedes sono finite a podio, con Bottas che ha conquistato il secondo posto sulla bandiera a scacchi, precedendo il suo compagno di squadra Hamilton che, dopo l’attacco a Leclerc finito male, ha dovuto arrendersi al degrado delle gomme. Al quarto posto si è piazzata la Renault di Ricciardo, che ha preceduto il suo compagno di squadra Hulkenberg, mentre il sesto posto va alla Red Bull di Albon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>