Siete d’accordo con Raikkonen e Arrivabene?

di Alba D'Alberto Commenta

Arrivabene e Raikkonen condividono l’amarezza per quel che è successo in Belgio dove, secondo il Team Principal di Maranello, la Ferrari aveva recuperato la giusta velocità per essere competitiva. Peccato che abbia incontrato sulla sua strada la spregiudicatezza di Verstappen.

Il battibecco tra il giovane pilota della Red Bull e Vettel è quasi passato alla storia. In fondo tutti ritengono che Max sia diventato un po’ pericoloso in pista e senza alcun richiamo ufficiale il suo comportamento potrebbe diventare ancora più pernicioso per gli avversari. Raikkonen che è sempre moderato ma preciso nei riferimenti, ritiene che la sua gara sia stata compromessa dall’atteggiamento di Verstappen:

raikkonen_

Dopo la partenza, alla prima curva, Sebastian non si è accorto che avevo una macchina all’interno: si aspettava che mi spostassi, ma io non potevo, così mi sono trovato bloccato tra lui e Max. Ci siamo toccati e questo ha compromesso tutto il resto della mia gara. E’ stata una corsa tutta in salita, il fondo della mia vettura era danneggiato, ma siamo riusciti comunque a recuperare alcune posizioni, abbiamo fatto del nostro meglio e non è stato facile. Non sono contrario ai duelli se sono corretti e a mio avviso quello che è successo all’Eau Rouge con Verstappen non lo è stato. Ero a velocità massima e sono stato costretto ad alzare il piede prima della curva 5, perchè lui mi ha tagliato la strada mentre cercavo di superarlo. Non ho mai avuto problemi simili con un altro pilota, se non avessi frenato lo avrei colpito a tutta velocità e ci sarebbe stato un brutto incidente. E’ difficile sapere come sarebbe andata senza il problema alla prima curva, difficile sapere quale fosse la reale velocità della nostra macchina, ma era andata bene per tutto il weekend. Questo non era il risultato che ci aspettavamo, è un peccato, ma a volte le corse vanno così.

Secondo Arrivabene c’è comunque da cogliere un aspetto positivo nell’accaduto, adesso tutti conoscono la robustezza delle Ferrari e nell’appuntamento di Monza non è detto che non ci siano sorprese:

“E’ un vero peccato, oggi probabilmente avevamo il ritmo per terminare il Gran Premio con entrambi i piloti sul podio. Purtroppo però l’incidente alla prima curva ha rovinato la nostra gara. L’aspetto positivo, in tutto questo, è che nonostante fossero seriamente danneggiate le nostre macchine si sono dimostrate comunque veloci e robuste.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>